Disfunzione Erettile Rimedi della Nonna

disfunzione erettile impotenza rimedi della nonna

Oggi, grazie ai progressi della medicina e della scienza, conosciamo molto più a fondo il meccanismo di funzionamento dell’apparato sessuale maschile e femminile, per cui siamo in grado di curare la disfunzione erettile con rimedi molto più precisi ed accurati. Tuttavia, soprattutto quando compaiono i primi sintomi, può essere molto utile contrastare il deficit di erezione attraverso rimedi della nonna semplici e sicuri.

Nei paragrafi che seguono ti illustreremo quali sono questi metodi naturali contro la disfunzione erettile, prima però ci sembra utile concentrarci sul capire come funziona il meccanismo fisiologico che porta all’erezione e quali sono le cause che possono, invece, ostacolarlo.

Questo passaggio ci aiuterà a capire meglio quali sono i migliori rimedi per poter curare l’impotenza non solo dal medico ma anche anche col fai da te.

Come avviene l’erezione

Per disfunzione erettile, chiamata anche “impotenza”, s’intendono oggi una serie di disturbi che comportano l’impossibilità, da parte dell’uomo, di ottenere e mantenere una forte erezione. Questa può essere, quindi, del tutto assente, oppure talmente debole da non consentire la penetrazione e l’atto sessuale.

Per comprendere meglio le cause del defici erettile, vediamo prima come avviene l’erezione. Quando l’uomo si eccita per effetto del testosterone, l’ormone sessuale maschile per eccellenza, alcune aree del cervello si attivano e inviano degli impulsi nervosi al pene. Alcuni neurotrasmettitori fanno quindi affluire una maggiore quantità di sangue e ossigeno nei corpi cavernosi dell’organo genitale maschile, che così si gonfia e si indurisce.

Quando questo meccanismo di vasodilatazione non funziona, o funziona in modo scorretto e insufficiente, ecco che si verifica la disfunzione erettile. L’uomo in questo caso non riesce più ad avere l’erezione ed il pene rimane flaccido per tutta la durata dell’atto sessuale impedendo così il raggiungimento dell’orgasmo.

Cause di disfunzione erettile

La disfunzione erettile può essere dovuta sia a fattori di tipo organico, sia a cause di natura psicologica. Fra le cause di tipo fisico/ organico più comuni troviamo:

  • Alterazioni ormonali;
  • Incidenti e traumi;
  • Obesità;
  • Malattie metaboliche come colesterolo alto e il diabete;
  • Problemi di circolazione;
  • Pressione alta o ipertensione;
  • Stanchezza fisica;
  • Uso di droghe e farmaci come ad esempio antidepressivi e beta bloccanti;
  • Abuso di alcool;
  • Disturbi di tipo neurologico;
  • Insonnia e problemi del sonno;
  • Infezioni alle vie urinarie o altre malattie della prostata come prostatite o cancro alla prostata.

Tuttavia, oltre a questi fattori, l’impotenza maschile è spesso collegata anche a cause di tipo psicologico o psicosomatico come ad esempio:

  • Emotività;
  • Ansia da prestazione;
  • Stress;
  • Depressione;
  • Vergogna e senso di colpa;
  • Mancanza di fiducia in sé stessi;
  • Dipendenze come ad esempio quella nei confronti di pornografia e prostituzione.

Ora che abbiamo visto quali possono essere le possibili cause di disfunzione erettile e abbiamo distinto le cause organiche da quelle psicologie, è bene dire che questa distinzione, nella realtà dei fatti, non è mai così netta. Nell’essere umano, infatti, corpo e mente sono sempre così strettamente correlati che spesso non è facile, se non addirittura impossibile distinguere l’uno dell’altra.

Un uomo che soffre di disfunzione erettile la prima volta per un’infezione urinaria o perché si trova in un periodo in cui dorme male ed è più stanco del solito, può ad esempio iniziare a provare vergogna e sentirsi frustrato per questa condizione sviluppando ansia da prestazione e mancanza di fiducia in sé stesso. Questo alle lunghe può determinare calo della libido e uno stato di stress e depressione che non fanno altro che peggiorare la situazione.

Come risolvere la disfunzione erettile coi rimedi della nonna?

Gli uomini che soffrono di disfunzione erettile dovrebbero, come prima cosa, rivolgersi ad un medico specializzato in disturbi della sfera genitale come un andrologo o un urologo, per capire quali sono le cause effettive del loro problema e farsi prescrivere una cura efficace.

Le cure, in questo caso, possono essere sia di tipo farmacologico (nel caso di disfunzione erettile di tipo organico) sia di tipo psicologico (quando invece è provocata da un coinvolgimento di fattori mentali) come la psicoterapia o la terapia di coppia, quando ad esempio il problema riguarda la relazione con il partner. In alcuni casi, quando le cause sono sia di tipo fisiologico sia psichico, è possibile intervenire con un mix di cure farmacologie e psicoterapia.

Sappiamo, tuttavia, che non ti tutti gli uomini si rivolgono subito al medico quando hanno un calo della potenza, anzi la maggior parte non lo fa proprio perché si vergogna a parlarne con altri e tende, quindi, a nasconderlo, fino ad arrivare ad evitare del tutto le relazioni intime per non sentirsi a disagio.

Cosa fare, allora in questi casi? Il consiglio che ti possiamo dare, in accordo con tutta la comunità medica e scientifica, è di iniziare il prima possibile a contrastare il problema della disfunzione erettile utilizzando i così detti “rimedi della nonna” contro l’impotenza.

Questi metodi, a differenza dei farmaci vasodilatatori come Viagra e Cialis comunemente usati contro il deficit di erezione, non presentano infatti effetti collaterali e non danno alcuna dipendenza.  Puoi quindi adottarli quando vuoi, anche senza il bisogno di un parere medico, e smettere in ogni momento senza complicazioni.

Andiamo quindi subito a vedere quali sono questi rimedi del tutto naturali e privi di controindicazioni che sono considerati un po’ come la prima scelta nel caso di disfunzione erettile allo stadio iniziale.

1. Alimentazione sana

Seguire un’alimentazione sanaè fondamentale non sono per prevenire l’obesità, che è una delle cause di impotenza, ma anche per non affaticare il cuore e non incorrere in malattie dei vasi sanguigni che possono ostruire il meccanismo che porta sangue e ossigeno alle aree periferiche, compreso il pene.

2. Attività fisica

L’attività fisica non solo rafforza il muscolo cardiaco, ma permette a tutto il nostro corpo di funzionare meglio e migliora anche il nostro benessere piscologico in generale.

3. Meditazione e altre attività rilassanti

Praticare meditazione e yoga, ma anche semplicemente bere una tisana rilassante, allontana spesso ansia, preoccupazione e stress, permettendoci di allontanare molti pensieri negativi che spesso sono causa o concausa della disfunzione erettile.

4. Dormire bene

I disturbi del sonno sono una delle cause più frequenti di disfunzione erettile, anche se spesso vengono sottovalutati. L’uomo che soffre di insonnia o ha difficoltà ad addormentarsi, non solo è più stanco durante il giorno, peggiorando le proprie performance sia fisiche sia mentali, ma inizia a produrre maggiori quantità di cortisolo, l’ormone dello stress. Questo a sua volta può influire sulle sue capacità sessuali, provocando deficit erettivo, pene flaccido e eiaculazione precoce.

5. Eliminazione della nicotina

La nicotina contenuta nel fumo di sigaretta non solo può provocare danni alla gola e ai polmoni, ma contribuisce anche a restringere i vasi, riducendo l’afflusso di sangue in alcune aree. Questo a sua volta può portare ad una riduzione della potenza, con conseguente diminuzione delle proprie prestazioni sessuali e calo della libido.

6. Alimenti vasodilatatori naturali

Per contrastare la disfunzione erettile può essere utile arricchire la propria alimentazione con alcuni alimenti vasodilatatori naturali che contengono al loro interno sostanze come antiossidanti, vitamine, minerali e soprattutto nitrati che possono favorire la produzione di ossido nitrico e, quindi, la vasodilatazione del pene.

Quelli più comuni e più facilmente impiegabili all’interno della propria dieta sono i pomodori, i peperoncini, le verdure a foglia verde, l’aglio, la cipolla, il melograno, il pesce azzurro e la frutta secca. Anche un bicchiere di vino rosso a pasto, ricco di polifenoli antiossidanti, può aiutare.

7. Integratori naturali contro l’impotenza

Quando la dieta non è sufficiente, è possibile assumere la stessa quantità di sostanze benefiche attraverso il consumo di integratori alimentari per la potenza. Si tratta, in altre parole, di pillole, chiamate anche “viagra naturale”, che contengono al loro interno solamente ingredienti vegetali di origine biologica cui sono attribuite proprietà afrodisiache.

L’uso di questi integratori, che un tempo veniva guardato con sospetto, ha dimostrato oggi di essere davvero efficace nel contrastare i sintomi del calo di potenza, fomentando nel contempo anche l’eccitazione e la libido e contribuendo spesso anche a rendere il pene visibilmente più grosso e turgido.

Questo tipo di prodotti devono essere assunti tutti i giorni per un periodo variabile di uno o due mesi, seguendo le indicazioni per il dosaggio fornite dal produttore. Alcuni di questi come Tauro Plus o Eretron Aktive, tanto per citarne alcuni, possono servire anche a contrastare i principali disturbi dell’apparato genitale maschile, migliorando così anche la produzione dello sperma e la fertilità.

8. Agopuntura

Anche l’agopuntura, tipo di terapia che consiste nel pungere il corpo con degli aghi in particolari punti per riattivare il funzionamento di organi interni, sembra avere effetti molto positivi sui deficit erettivi e su altri problemi di natura sessuale come ad esempio l’eiaculazione precoce.

9. Ozonoterapia

L’introduzione di ossigeno arricchito con ozono nel sangue può contribuire a migliorare la circolazione, quindi tutte le funzioni legate ad essa, come ad esempio il meccanismo di vasodilatazione dei corpi cavernosi che produce l’erezione.

10. Magnetoterapia

L’applicazione di magneti direttamente sul pube per provocare onde d’urto sembra anch’essa un rimedio della nonna utile contro l’impotenza. In questo caso, ovviamente, come anche nei due precedenti, occorrerà rivolgersi presso un centro medico o paramedico specializzato.

Quale rimedio della nonna contro l’impotenza funziona di più?

 Ora che abbiamo visto quali sono i rimedi della nonna che si possono usare per contrastare la disfunzione erettile, viene naturale chiedersi quale di questi funziona di più.

La risposta in questo caso è molto soggettiva, anche perché dipenderà molto sia dalle cause sia dalla gravità del problema, oltre che naturalmente dalle caratteristiche della persona che ne soffre. Un individuo obeso, ad esempio, dovrà prima di tutto perdere peso attraverso la dieta e fare più esercizio fisico. Uno sportivo, invece, potrà trarre giovamento da altri tipi di rimedi, come l’agopuntura e la meditazione.

Il metodo che attualmente sembra maggiormente consigliato, anche perché privo di controindicazioni in generale, è l’uso di integratori naturali per la potenza o viagra naturale.

Questi prodotti come abbiamo visto contengono spesso arginina, carnitina, zinco, antiossidanti e altre sostanze che si trovano anche all’interno degli alimenti vasodilatatori, per cui il loro utilizzo può essere spesso risolutivo nel contrastare cali della potenza lievi e momentanei.

Le pillole per la potenza, oltre ad agire sul meccanismo che porta il sangue ai vasi, aumentano spesso anche la produzione di ormoni (testosterone), danno energia e vigore al corpo e migliorano anche sensibilità e dimensioni del membro, regalando un piacere più intenso durante l’atto sessuale.

Si tratta inoltre di prodotti che sono stati realizzati molto spesso da aziende dotate di laboratori di analisi e ricercatori, per cui puoi essere assolutamente sicuro che non fanno male e che sono efficaci.

Ovviamente, non tutti gli integratori per la potenza sono uguali, ma ce ne sono alcuni che hanno dimostrato di funzionare meglio e di avere meno effetti collaterali, per cui ti consigliamo sempre di leggere anche le recensioni su questi prodotti sul sito e sui forum online prima di acquistarli.

Molto importante è anche conoscere nel dettaglio la lista degli ingredienti per escludere eventuali intolleranze ed allergie.

Conclusioni

Come abbiamo visto la disfunzione erettile può avere sia cause fisiche sia mentali e in entrambi i casi possono rivelarsi validi rimedi della nonna che non necessitano di prescrizione medica.

Fra questi quelli più diffusi e utili sono:

  • Alimentazione sana;
  • Attività fisica;
  • Meditazione e altre attività rilassanti;
  • Dormire bene;
  • Eliminazione della nicotina;
  • Alimenti vasodilatatori naturali;
  • Integratori naturali contro l’impotenza;
  • Agopuntura, ozonoterapia e magnetoterapia.

È evidente quindi che per migliorare la disfunzione erettile occorre prima di tutto in cambiamento al proprio stile di vita che comporti riduzione di peso, fare una vita meno sedentaria e più attiva, eliminazione di alcool, droghe e fumo di sigaretta e una maggiore attenzione al proprio relax e al rispetto dei propri ritmi sonno/ veglia.

Da ultimo, può risultare senz’altro utile assumere integratori naturali per la potenza che arricchiscono la tua dieta di sostanze benefiche che possono supportare il meccanismo che comporta l’erezione, aumentando la produzione di testosterone e potenziando l’afflusso di sangue nei corpi cavernosi del pene.

Questi prodotti, chiamati anche viagra naturale, possono anche usati a scopo preventivo in quanto non necessitano di prescrizione medica, non contengono sostanze dannose per la salute e hanno effetti benefici su tutto l’apparato sessuale maschile.