Breast Unit: oggi 9 donne su 10 guariscono dal tumore del seno

Gli esperti si confrontano sulle attualità nei trattamenti integrati dei tumori della mammella e di come la "Unit" sia un modello organizzativo vincente che migliora gli standard ospedalieri

di Roberta Manfredini

breast unit, fiocco rosa

Grazie alla ricerca, alle nuove terapie e alla presa in carico presso le Breast Unit il più precocemente possibile, oggi più del 90% delle donne che si ammalano di tumore alla mammella guariscono!

Nell’evento ECM per medici, gli specialisti delle Breast Unit del Lazio in particolare, ma anche di altre Regioni italiane, hanno condiviso ricerche e esperienze cliniche utili all’aggiornamento sui più recenti trattamenti del tumore della mammella, con particolare riferimento alle nuove terapie molecolari, all’immunoterapia ed all’interpretazione dei test genetici.

Il corso si è svolto presso l’aula Paride Stefanini del Policlinico Umberto I di Roma, dove dal 2013 è attiva la Breast Unit (dal 2007 era attivo il ‘Centro di Senologia’), Coordinata dal prof. Massimo Monti, Direttore della UOC di Chirurgia Generale e della Mammella e Direttore del Dipartimento Universitario di Scienze Chirurgiche.

Proprio per la lotta al tumore al seno, già intorno agli anni 2005-2006, a livello europeo veniva indicato come indispensabile la realizzazione, in tutte le strutture ospedaliere complesse, delle Breast Unit e, entro il 2017, tutti gli Stati membri avrebbero dovuto adeguarsi.

Breast Unit: un modello organizzativo che migliora gli standard ospedalieri

Mettere insieme le varie discipline, ottimizza non solo il percorso per i pazienti ma anche l’uso delle risorse! Fattori a cui noi amministratori dobbiamo essere sempre più sensibili, viste le ristrettezze che affliggono da tempo il Servizio Sanitario Nazionale” dichiara Vincenzo Panella, Direttore Generale AOU Policlinico Umberto I . Certamente le sue parole portano l’attenzione sull’importanza del rispetto degli standard ospedalieri, come previsto dal nuovo Regolamento Nazionale sugli Standard ospedalieri (Decreto Ministeriale 2 aprile 2015, n.70.) Nel citato Decreto, il Ministero della Salute, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, definisce gli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all'assistenza ospedaliera.

Il lavoro di équipe fa ‘volare’ le possibilità di guarigione

“Il percorso terapeutico non può dipendere da una sola persona, nasce dal lavoro di équipe, nasce dal confronto tra l’oncologo, il radiologo, il radioterapista e il chirurgo ovviamente. Le conoscenze vanno avanti, è necessario aggiornarsi su come trattare i tumori che ancora non hanno infiltrato, come trattare le lesioni pre-cancerose, i tumori infiltranti, perchè oggi le possibilità di guarigione si sono moltiplicate e più del 90% delle donne oggi guariscono!” ha evidenziato Prof. Giuseppe Naso, specialista in oncologia medica al Policlinico Umberto I di Roma.

A conclusione, il Prof. Massimo Monti, Coordinatore della Breast Unit e tra gli organizzatori del corso ECM, sottolinea la volontà, supportata dalla Direzione Aziendale, di potenziare il percorso Breast Unit.

“Del resto è un percorso che noi abbiamo potenziato da 8 anni e che la Regione Lazio ultimamente ci richiede per poterlo attuare con determinati requisiti. Per quel che riguarda la chirurgia, questo corso è occasione per un confronto con i referenti chirurgici delle altre Breast Unit laziali, del Campus Bio Medico, del San Giovanni, del Fatebenefratelli dell’Isola Tiberina, in uno spirito di collaborazione con tutti gli altri specialisti di questa branca e che speriamo poter ripetere ogni anno”.

Come funziona il Percorso Diagnostico Terapeutico della Breast Unit del Policlinico Umberto I di Roma

Gli specialisti del Policlinico coinvolti nella Brest Unit sono tutti medici di comprovata esperienza professionale.

Il Percorso Diagnostico Terapeutico (PDR) prevede 4 step fondamentali:

  1. la presa in carico, con visita e l’attivazione del Percorso Assistenziale Complesso (PAC);
  2. la diagnostica radiologica e anatomo- patologica;
  3. la valutazione multidisciplinare che vede coinvolti diversi specialisti che dovranno confrontarsi e pianificare il percorso assistenziale più adeguato non solo al caso clinico ma anche alla paziente (o paziente se si dovesse trattare di un uomo) che, comunque, viene coinvolta e sostenuta nella scelta anche dall’assistenza di uno psicologo;
  4. il trattamento medico che prevederà, secondo i casi, terapia adiuvante/neoadiuvante, terapia chirurgica, ormonoterapia, radioterapia.

Per facilitare la presa in carico delle pazienti e il rapporto ospedale - territorio, è stato attivata una collaborazione con i medici di Medicina Generale e con i Centri di Screening regionali.

Come si accede alla Breast Unit del Policlinico Umberto I di Roma

L’iter diagnostico e terapeutico presso la Breast Unit prevede una presa in carico lungo tutto un percorso predefinito.

  • La prima visita senologica presso la Breast Unit può essere effettuata in due modi:
  1. all’ambulatorio del Punto Unico di Accesso (PUA) che si trova al piano -1 della III^ Clinica Chirurgica, tramite il RECUP (dal 1 novembre 2018: 06 9939), con impegnativa del medico di medicina generale o di medici specialisti esterni all’Azienda;
  2. per i casi urgenti e con impegnativa del medico curante, è possibile una prenotazione diretta, telefonando allo 06 49977800 - il lunedì e il mercoledì – dalle 10.00 alle 12.00, oppure scrivendo a: mammella@policlinicoumberto1.it.
  • Per le pazienti che, invece, sono già in carico dalla Breast, la prenotazione avverrà tramite agende dedicate per il follow-up.