HIV Testing Week

Proteggiamoci dall'AIDS: facciamo il test per l'HIV al Policlinico Umberto I di Roma. Porte aperte dal 26 al 30 novembre 2018, dalle 8 alle 12, presso il Centro di riferimento AIDS

di Roberta Manfredini

In linea con lo 'European HIV-Hepatitis Testing Week’, porte aperte al Policlinico Umberto I di Roma per il test dell’HIV nella settimana ‘HIV Testing Week’, dal 26 al 30 novembre 2018, dalle 8 alle 12, presso il Centro di riferimento AIDS di Malattie Infettive, piano terra (tel. 06 49970900).

Approfittane! Il test è gratuito. Per farlo:

  • non occorre ricetta medica
  • non occorre prenotazione
  • non è necessario essere a digiuno

Conosci te stesso. Conosci il tuo stato’ è lo slogan della settimana europea del testing week (European HIV-Hepatitis Testing Week), in programma dal 23 al 30 novembre 2018 nei Paesi europei aderenti e che quest’anno prevede anche il test per le epatiti.

In occasione della giornata AIDS che viene celebrata il 1 Dicembre, l’università ‘Sapienza’ e l’Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico Umberto I di Roma hanno organizzato due importanti iniziative per sensibilizzare la popolazione, in particolare i giovani e gli studenti, alla consapevolezza di questa ancora grave malattia:

  • HIV Testing Week all’Umberto I
  • Amare con Sapienza all’interno della città universitaria.

AIDS e HIV, la lotta continua

L’AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) è una sindrome da immunodeficienza acquisita provocata dall’infezione da virus dell’HIV (Human Immunodecicient Virus) che, secondo l’ultimo report UNAIDS, nel 2016 nel mondo sono state 1,8 milioni le nuove diagnosi di infezione da HIV e le persone con l’infezione erano 36,7 milioni. Per l’OMS, entro il 2030, il 90% della popolazione infettata dal virus deve sapere di essere HIV positivo.

La malattia da HIV/AIDS rappresenta ancora oggi un grande problema a livello mondiale: “nonostante l’introduzione delle potenti terapie di combinazione antiretrovirale che hanno ridotto la mortalità per questa malattia, purtroppo, ogni anno si registrano un aumento di nuovi casi e quindi ormai l’infezione è endemica” dichiara Prof. Claudio Mastroianni, Direttore della UOC di Malattie Infettive del Policlinico Umberto I - Sapienza Università di Roma.

Ma perché l’infezione da HIV è endemica?

“Perché non c’è consapevolezza del proprio stato! Infatti – continua il Prof. Mastroianni – il messaggio che viene mandato proprio in occasione della settimana europea del testing week è ‘conosci te stesso, conosci il tuo stato’. Fare il test per l’HIV è importante per sapere se si è stati infettati dal virus e, in caso di risposta positiva, è necessario rivolgersi ai Centri specializzati per iniziare, quanto prima, le cure specifiche per la prevenzione dei danni da AIDS”.

Policlinico Umberto I, il Centro di riferimento

Il Centro di Riferimento AIDS del Policlinico Umberto I, afferente al Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive Diretto dal Prof. Vincenzo Vullo è un’Unità Operativa di III Livello, rappresenta uno dei Centri più grandi per numeri di pazienti seguiti, è un’eccellenza del sistema salute laziale e fa parte della ReTe AIDS.

Presso l’Umberto I sono seguiti circa 2000 pazienti con infezione da HIV di cui il 95% in controllo virologico; ogni settimana vengono eseguiti, mediamente, 80 test HIV, 10 visite per potenziale esposizione occupazionale e, in un anno, sono circa 60 le nuove diagnosi di infezione da HIV.

“Da più di 30 anni, già dai tempi del Prof. Fernando Aiuti, il nostro Centro rappresenta un punto di riferimento importante, non solo per il numero elevato di pazienti HIV positivi seguiti, ma anche per l’attenzione ai malati e per l’efficienza degli operatori sanitari, infermieri e medici, perché riusciamo ad ottenere un controllo delle infezione virale molto elevata. Al Policlinico, più del 95% dei nostri pazienti sono controllati virologicamente, quindi noi stiamo già sul targhet stabilito dall’OMS” ha sottolineato il Prof. Mastroianni.

Come funziona il test e perché è importante farlo

“La popolazione deve conoscere il suo stato, quindi le deve essere diagnosticata la eventuale presenza del virus HIV e deve essere trattata in maniera tale da ridurre la replicazione; perché solo curando e trattando le persone positive abbattiamo la replicazione del virus e, tenendo sotto controllo il virus, ne diminuiamo anche la trasmissione” ha continuato il prof. Mastroianni.

Le persone HIV positive, vengono seguite dal Centro di Riferimento AIDS in regime ambulatoriale, in day Hospital e se necessario con ricovero in reparto di degenza.

“Tra i pazienti che seguiamo ci sono anche donne in gravidanza, in collaborazione con i colleghi della Clinica ostetrica per il Percorso Diagnostico in gravidanza. Per la settimana ‘HIV Testing Week’, abbiamo allargato l’orario che normalmente è dalle 8 alle 10, per favorire le persone a recarsi in ambulatorio per fare il test. Oltre al prelievo ematico, come facciamo di solito, distribuiremo materiale informativo e daremo spiegazione sulle modalità della trasmissione della malattia, valuteremo i fattori di rischio, soprattutto fra i giovani perché c’è ancora molta non conoscenza sulle modalità di trasmissione. Per essere più accoglienti possibili, ci avvaliamo del supporto di una psicologa” ha dichiarato il Responsabile del Centro AIDS, Prof. Mario Falciano.

Il Prof. Falciano è anche Responsabile dei Corsi di aggiornamento per la sorveglianza sugli operatori sanitari del Lazio contro gli infortuni e servizi di profilassi anche verso altre malattie.

Dal 1990 facciamo regolarmente corsi di aggiornamento previsti dalla legge ex legge 35/90 per gli operatori sanitari di malattie infettive di tutto il Lazio, medici e personale infermieristico e ausiliario, per l’aggiornamento professionale sull’infezione da HIV e protezione personale”.

“Sapienza” e ISS: le iniziative per la giornata mondiale contro l’AIDS

Dal 23 novembre e probabilmente oltre il 1 dicembre, presso la Sapienza, per la campagna informativa sull’HIV/AIDS, è stato installato un digital ambient, cioè un sistema informatizzato che permette l’illuminazione della scalinata del Rettorato con dei pixel; il numero dei pixel è correlato al numero di visitatori del sito www. havinginformationvirus.hiv.

#amaconsapienza

#havinginformationvirus

Il 1 dicembre 2018, il numero verde 800 861 061, gestito dall’Istituto Superiore della Sanità (ISS) e promosso dal Ministero della Salute, sarà disponibile dalle 10 alle 18 per informazioni su AIDS e Infezioni Sessualmente Trasmesse e gli esperti risponderanno anche in inglese.