Mamme con malattie reumatiche autoimmuni

ONDA, in collaborazione con la Società Italiana di Reumatologia, ha promosso campagne informative per le donne con queste patologie rare, sulla pianificazione familiare e la genitorialità.

di Roberta Manfredini

Open day bollini rosa, malattie reumatiche autoimmuni

Le malattie reumatiche, rappresentate da un gruppo di patologie molto ampio ognuna con la propria caratteristica, nella maggioranza dei casi sono di natura autoimmune; determinano disturbi a carico dell'apparato locomotore, in generale ai tessuti del connettivo.

Mediamente la patologia si manifesta tra i 15 e i 45 anni e colpisce prevalentemente donne: infatti in Italia, su circa 5 milioni di malati, 3,5 milioni sono donne, oltre il 70%.

Purtroppo le variazioni ormonali del periodo fertile, cioè pubertà, gravidanza, allattamento e della menopausa, possono influire in modo significativo sulla malattia.

Se queste donne non fossero seguite da Centri specialistici rischierebbero di vedere compromesso, non solo la qualità della propria vita ma anche la salute riproduttiva.

Diventare madri con queste patologie

Oggi la medicina moderna permette maggiori di possibilità diagnostiche e terapeutiche che facilitano la gestione e il controllo della malattia reumatica in fase di remissione per lungo tempo e, per coloro che lo desiderano, anche della gravidanza.

A tale scopo, l’Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna e di Genere (ONDA), in collaborazione con la Società Italiana di Reumatologia, ha promosso a livello nazionale nel 2018 una campagna informativa sulla pianificazione familiare e la genitorialità, proponendo agli ospedali del network Bollini Rosa, l’(H)Open Day, primo nel suo genere.

In occasione della Festa della mamma, nella mattinata dell’11 maggio scorso, anche presso il Policlinico Umberto I di Roma sono state eseguite, dagli specialisti della Reumatologia, visite ed esami gratuiti per la prevenzione, la diagnosi e la cura delle malattie reumatiche autoimmuni, come ad esempio le artriti, il lupus, la sclerodermia, la fibromialgia e alcune malattie rare reumatologiche.

“Questa giornata dei Bollini Rosa, nel Policlinico ha un tono di novità, rispetto ad altri eventi specialistici a cui abbiamo aderito nel passato. Oggi è una giornata dedicata proprio alla reumatologia e questo è il risultato di un’interazione molto stretta fra noi e ONDA e fra noi, ONDA e l’IIS, dove è attivissimo un Centro per la Medicina di Genere. Siamo convinti che questo approccio sia estremamente utile ed innovativo e, quindi, sia per gli aspetti assistenziali, didattici che per quelli di ricerca, ci stiamo impegnando per creare una Rete che possa portare avanti, sempre più e sempre meglio queste problematiche” ha sottolineato il Prof. Guido Valesini, Responsabile della Reumatologia dell’Umberto I.

La malattia reumatica non è una controindicazione alla pianificazione familiare, alla gravidanza, al parto naturale e all’allattamento materno, se la donna viene seguita in un Centro specialistico!

È importante supportare le donne con patologie reumatiche per migliorare la qualità della vita.

Per l’occasione ONDA ha messo a disposizione, sul sito ma anche in forma cartacea, la pubblicazione ‘Malattie reumatiche autoimmuni. Dalla pianificazione familiare alla genitorialità’ che, per le donne, rappresenta uno strumento utile per conoscere ed eventualmente affrontare la pianificazione familiare e la genitorialità. Ovviamente con l’aiuto del reumatologo e del ginecologo.

La Dott.ssa Francesca Merzagora, Presidente di ONDA, ha evidenziato “l’importanza delle due figure mediche specialistiche di riferimento, il ginecologo e il reumatologo, chiamate a lavorare in stretta e sinergica collaborazione per accompagnare al meglio la donna in questo delicato percorso, dalla fase pre- concezionale al periodo successivo al parto”.

Tra i temi principali della pubblicazione ONDA:

  1. fertilità, contraccezione e procreazione: il ruolo della pianificazione familiare;
  2. quando la cicogna non arriva: accessibilità alla procreazione medicalmente assistita;
  3. gravidanza: come pianificarla al meglio ed affrontarla in sicurezza e serenità;
  4. parto e puerperio: nasce una mamma;
  5. dalla maternità alla genitorialità.

Per promuovere una migliore comunicazione medico-paziente, sulla tematica molto complessa da qualche tempo è attivo un Gruppo di Studio della Società Italiana di Reumatologia (SIR) dal nome ‘Medicina di Genere’.

Altre iniziative ONDA a cui ha aderito l’Umberto I di Roma

Nel 2018, ad oggi, l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico Umberto I di Roma ha aderito ad altre iniziative ONDA, offendo visite gratuite in favore delle donne:

  • (H)Open Day Ginecologia, di marzo, in occasione della festa della donna, con focus sui fibromi uterini che nel 50% dei casi incidono sulla fertilità e sulla qualità della vita femminile
  • (H)Open Week Salute Donna, dal 16 al 22 aprile dedicato alle specialità nutrizionali (I° Clinica Medica), alla medicina della riproduzione (5° Clinica Medica), alla senologia (3° Clinica Chirurgica), alle malattie metaboliche dell’osso (2° Clinica Medica) e all’oncologia (Ambulatorio Oncologia B).

ONDA: www.ondaosservatorio.it - info@ondaosservatorio.it