Nuovo reparto per la Neuropsichiatria Infantile

Al via i lavori di ristrutturazione per la Neuropsichiatria infantile. Previsti 8 nuovi posti letto con cui offrire un ampio spettro di risposte assistenziali psichiatriche per minori

di Redazione

Problemi psichiatrici infanzia ed adolescenza

Dopo tre anni finalmente, è stata aggiudicata la gara per la ristrutturazione e l’adeguamento del nuovo reparto per la Gestione delle Emergenze Psichiatriche dell’Età Evolutiva per assistere gli adolescenti (11- 18 anni) con psicopatologie ad esordio acuto. Il nuovo reparto, unico nel suo genere, avrà una dotazione di nr. 8 posti letto, in continuità di cure con i reparti di neurologia e psichiatria presenti nello stesso Istituto. Il Pronto Soccorso Centrale e il Pronto Soccorso Pediatrico potranno avvalersi dell’immediata presenza del neuropsichiatra infantile per il ricovero secondo la complessità assistenziale necessaria. Il finanziamento di 600mila euro da parte della Regione Lazio ha consentito, attraverso una riorganizzazione distributiva degli spazi, di ottenere un reparto funzionale, moderno ed accogliente, per otto posti letto, articolato in quattro camere di degenza a un posto letto e due a due letti, tutte con servizio igienico direttamente accessibile. Inoltre, il reparto sarà in diretta comunicazione, tramite un percorso esclusivo e protetto, con un’area esterna ludica, assolutamente utile al percorso diagnostico e curativo dei giovani degenti.

Fronteggiare l'emergenza psichiatrica in campo minorile

Il nuovo reparto risponderà a condizioni di estrema gravità (condotte suicidarie, gravi disturbi del comportamento alimentare, disturbi del tono dell’umore e gravi condotte autolesive). Tutte queste condizioni costituiscono situazioni di emergenza psichiatrica per le quali, fino ad oggi, non era disponibile una struttura di diagnosi e cura specifica. Con questa dotazione aggiuntiva il Policlinico Umberto I sarà in grado di offrire un ampio spettro di risposte assistenziali psichiatriche in campo minorile anche a giovani pazienti di altre regioni, con la possibilità di transito in reparti a diversa intensità di cura.

Il reparto per le emergenze psichiatriche adolescenziali rappresenta una soluzione innovativa per la neuropsichiatria infantile italiana perché costituisce un modello di intervento nell’acuzie psichiatrica che, pur se riservato a una minoranza di casi estremamente gravi, ha carattere risolutivo ed estremamente innovativo in quanto dà risposte assistenziali non altrimenti disponibili nel territorio. 

“I lavori di ristrutturazione prenderanno il via subito dopo i controlli previsti per legge e dureranno cinque mesi. L’inizio delle attività è previsto per il prossimo autunno” dichiara il Direttore Generale, Vincenzo Panella