Impianti dentali fissi o mobili? Cosa fare se si rompono in vacanza?

Aiuto sono in vacanza e ho un problema all'impianto dentale. Devo tornare indietro? Cosa fare?

di Regina Geloso

impianti dentali fissi o mobili

Andare in vacanza è un piacere la cui è attesa è durata diversi mesi. Ma un imprevisto in viaggio può turbare il meritato riposo o metterci in crisi qualora non riuscissimo a metterci in contatto con il nostro dentista. Ecco, quindi, come comportarci in caso di problemi all'impianto dentale fisso o protesi dentaria.

Ne abbiamo parlato con il Dott. Francesco Riva, Direttore UOC Chirurgia Odontomastologica del Policlinico Umberto I a cui abbiamo anche chiesto alcuni piccoli trucchi per "sopravvivere" in vacanza.

Prima di tutto di cosa stiamo parlando: cosa sono gli impianti dentali?

"L'implantologia dentale è una tecnica che permette di sostituire degli elementi (denti) mancanti dove prima era necessario inserire dei ponti fissi o addirittura immettere delle protesi mobili; protesi sicuramente meno confortevoli e che, come nei casi dei pazienti edentuli, possono portare anche ad un riassorbimento parziale dell'osso dovuto al movimento della protesi stessa".

Il progresso tecnologico e delle biotecnologie degli ultimi anni hanno, infatti, sensibilmente migliorato la qualità della vita dei pazienti offrendo interventi risolutivi in minor tempo e con meno stress (e costi inferiori). Anche grazie al progressivo utilizzo di bioprotesi, ovvero innesti ossei sintetici che permettono, anche in caso di ipotrofia, di evitare il ricorso alla vecchia dentiera, optando per un impianto su misura.

D'altra parte a progredire non è solo la tecnologia ma anche la tecnica chirurgica stessa - ora diventata mininvasiva - che consente di effettuare in regime ambulatoriale, interventi prima eseguiti solo in regime di ricovero ed in anestesia totale.

 

Come si procede per realizzare un impianto dentale? Lo possono fare tutti?

"Una volta valutata con esame clinico, ortopanoramica ed eventuale Tac la presenza di una struttura ossea sufficiente e idonea ad effettuare una chirurgia implantare, è possibile progettare una protesi fissa con costi contenuti rispetto al passato. Tramite una progettazione computer-guidata si può anche inserire una protesi in contemporanea all'inserzione degli impianti".

 

Cosa fare nel caso abbia perso più denti tra loro vicini?

"In questo caso ci sono due soluzioni: possono essere realizzate corone separate su singoli impianti dentali oppure un ponte collegato a diversi impianti dentali. A seconda dei casi questi ultimi possono essere da due a quattro". Il ponte verrà, quindi, posizionato su pilastri che sono collegati agli impianti. "La sensazione e la funzionalità - spiega Dott. Riva - sono le medesime dei denti naturali".

 

Nel caso invece abbia perso tutti i denti della mandibola o della mascella?

"Gli impianti dentali sono la soluzione migliore. Il vostro dentista potrà consigliarvi un ponte completo attaccato a diversi impianti dentali o, in alternativa, una protesi rimovibile ma stabile in quanto ancorata tramite dispositivi di fissaggio a due o più impianti dentali. Gli impianti, essendo fissati all'osso, stimolano il tessuto osseo e aiutano a mantenere sani livelli dell'osso e struttura facciale".

 

E se l'osso non fosse sufficente per posizionare un impianto?

"Nel caso l'osso fosse insufficiente, la nuova frontiera è l'utiizzo di innesti ossei su misura creati al computer partendo dalla Tac. Questi recenti biomateriali, osteogenici e biocompatibili, si adattano perfettamente all'osso residuo e nel giro di alcuni mesi si trasformano in un osso simile a quello del paziente. questi interventi possono essere eseguiti ambulatorialmente, non essendo più necessarioeffettuare il prelievo osseo, e quindi, si riducono notvolmente i tempi operatori e le eventuali complicanze. Il paziente può riprendere la propria attività lavorativa dopo 1/2 giorni".


Cosa fare se ho l’implantologia fissa e, in vacanza, ho un problema?

“Tutti gli impianti dentali hanno caratteristiche specifiche che vanno dalla vite di chiusura, alla vite di guarigione. Per questo è importante conservare con cura e portare con sé la “carta d’identità” dell’impianto che vi verrà consegnata dallo specialista a lavori ultimati. Ciò consentirà, anche lontani da casa, di essere assistiti da un altro dentista che consulterà la carta d’identità per intervenire in modo adeguato”.

 

Come comportarmi, invece, se durante le ferie si scementa un ponte?

“In questo caso è possibile risolvere provvisoriamente pulendolo con cura da eventuali residui di cemento, ad esempio con una forcina, e poi riposizionarlo applicando un leggero strato di pomata adesiva; per intenderci dello stesso tipo che si utilizza per le protesi totali. Questo vi consentirà di poter attendere qualche giorno prima di recarvi dal vostro dentista di fiducia”.