Dipendenza da alcol, il Progetto Sam a Formia

di Gabriella Facioni

Il presidente del Consiglio Comunale di Formia, Maurizio Tallerini

Il 9 giugno 2016 il Progetto Sam ha fatto tappa nella città di Formia, presso la Sala 'Ernesto Ribaud? del Comune. L'Incontro è stato organizzato dal Centro di Riferimento Alcologico della Regione Lazio (CRARL), con la collaborazione della SITAC (Società Italiana per il Trattamento dell'Alcolismo e le sue Complicanze), per fare cultura sulle tematiche dell'Alcologia. L'Evento, che ormai replica la formula collaudata negli incontri precedenti in diverse città del Lazio, ha previsto l'Abbinamento del riconoscimento dei crediti formativi ECM (Educazione Continua in Medicina) e la presentazione delle fasi del Progetto SAM (Servizi Alcologia Mappati) e dei suoi contenuti più importanti. Durante il convegno i rappresentanti istituzionali e il prof. Mauro Ceccanti hanno firmato un importante Protocollo dal titolo 'Integrazione socio-sanitaria, distretto Formia-Gaeta'.

Presente all'Incontro il Presidente del consiglio Comunale Maurizio Tallerini, che nella sua carriera ha ricoperto anche il ruolo di Assessore ai Servizi Sociali e si è occupato in passato delle problematiche connesse all'Alcolismo nel suo territorio. Come è noto il Progetto SAM ha tra gli obiettivi la diffusione della conoscenza delle problematiche scaturite dall'abuso di alcol, il ricorso a strumenti di ausilio innovativi, l'Integrazione degli aspetti bio-psico-sociali e la divulgazione dei Centri e dei servizi presenti nel territorio laziale. Per quanto riguarda la diffusione delle conoscenze, l'Appuntamento di Formia è stato davvero particolare.

Il dott. Giovanni D'Angiò, psicologo ma anche Assessore alle politiche Sociali e la psicologa Anastasia Pezzella, entrambi esperti da tempo di welfare, nel corso dell'Evento hanno riproposto il loro progetto dal titolo?Dipendi-AMO'. Si tratta di otto cortometraggi per raccontare la dipendenza, intesa come amore per il vizio: il gioco d'Azzardo e il sesso, l'Alcol e la tecnologia, gli aspetti della vita che sempre di più sottraggono alle persone  libertà e dignità. I cortometraggi sono stati  realizzati dal regista Nunzio Paolo Russo con il patrocinio dell'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Formia in collaborazione con la 'Alfiere Productions? ed sono stati premiati al 'Formia Film Festival'. «Partecipare all'Incontro di Formia e proporre 'Dipendi-AMO? - commenta il dott. D'Angiò - significa dare la giusta visibilità non solo al problema ma anche riconoscerlo, accettarlo ed affrontarlo». Il cinema, come è noto, viene utilizzato spesso in psicoterapia, selezionando i film per argomento e contenuti e tenendo conto che spesso i pazienti si identificano con un personaggio.  Per  la dott.ssa Pezzella, presentare gli otto cortometraggi al convegno «ha significato e soprattutto ha reso visibile il mondo della dipendenza, nelle varie forme. È necessario essere attenti e consapevoli che queste sono problematiche che appartengono al quotidiano».

Una vera fonte di informazione, di messaggi, di comunicazione quella dell'Appuntamento di Formia. Si è respirata un'Aria più intensa, forse ancora più consapevole e combattiva che ha coinvolto non solo i presenti ma un esercito di persone fortemente motivate ad espandere il programma dal territorio all'Intera Regione e ancora più in là.  È il caso di dire che le battaglie si vincono così.