La Salute orale del bambino con spettro autistico

di Roberta Manfredini

Il Policlinico Umberto I di Roma ha incontrato le famiglie dei bambini con spettro autistico ed ha presentato un Progetto per la prevenzione e la cura odontoiatrica che evita il ricorso all'Anestesia generale.

In occasione della giornata mondiale della salute orale, con la quale quest'Anno si è voluto sottolineare il legame tra una buona salute orale e il benessere generale, domenica 20 marzo la Clinica Odontoiatrica del Policlinico Umberto I - Università Sapienza di Roma, Diretta dalla Prof.ssa Antonella Polimeni, ha organizzato un momento di studio sulla salute orale dei bambino con spettro autistico, durante il quale sono intervenute anche le associazioni delle famiglie.

Nel corso dell'Evento, patrocinato dal II Municipio, gli esperti oltre a porre l'Accento sulla prevenzione della salute orale per evitare di giungere a casi estremi, hanno illustrato le tecniche più idonee per ottenere la collaborazione dei soggetti più fragili, come sono i bambini autistici che hanno problemi di comunicazione, senza però ricorrere necessariamente all'Anestesia generale durante le cure odontoiatriche.
Per tale motivo è importante rivolgersi ai Centri odontoiatrici specializzati, come quello del Policlinico dove questi soggetti vengono presi in carico in un percorso dedicato.

Questo grazie ad un Progetto specifico avviato ormai da circa 8 anni, condiviso con i medici della Neuropsichiatria Infantile che vede come referenti il Prof. Vincenzo Leuzzi, Direttore della Neuropsichiatria Infantile del Policlinico Umberto I di Roma, lo storico Istituto di Via dei Sabelli e il Prof. Vincenzo Guidetti Ordinario di Psichiatria Infantile.
Ad aprire l'Incontro, il Magnifico Rettore della Sapienza, il Prof. Eugenio Gaudio e il Presidente del II Municipio, l'On. Giuseppe Gerace.

'Attualmente il Policlinico ha in cura 164 pazienti e la tipologia di cura si concentra prevalentemente sulle attività di tipo preventivo, importante per tutti ma fondamentale per questi pazienti più fragili, in un 20% dei casi con procedure estrattive realizzate in regime ambulatoriale? ' ha sottolineato la prof.ssa Polimeni.
Se non avete utilizzato l'Anestesia generale, come avete fatto?
'La tecnica che è stata messa a punto si chiama tecnica di comunicazione aumentativa, oltre all'Ausilio standard che nel nostro Servizio è presente sin dal 2005, video con cartoni animati che servono alla distrazione, i bambini vengono supportati con un tabellone che declina i singoli strumenti e che l'Operatore odontoiatra opportunamente formato? ' ha confermato la Prof.ssa Polimeni che ha voluto anche sottolineare l'Importanza della formazione degli operatori sanitari che per questi pazienti è fondamentale.

In merito, invece, alle nuove Linee Guida (LG) per la salute orale che il Ministero della Salute ha aggiornato a dicembre 2015, abbiamo chiesto alla Prof.ssa Polimeni che ha collaborato alla loro stesura, se sono allo studio LG per soggetti fragili.

'Sicuramente nella progettualità delle LG per i pazienti pediatrici fragili, saranno fra i prossimi obiettivi che i policy maker dell'Odontoiatria dovranno mettere in campo.?
Al 'Non so dire che mi fa male? e 'Prendiamoci cura del mio sorriso', due dei temi affrontati, le famiglie dei ragazzi, rappresentate dall'Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici (ANGSA), l'Associazione Amici di via dei Sabelli Onlus, il Gruppo Asperger Onlus e l'Associazione L'emozione non ha voce Onlus, hanno accolto con entusiasmo la metodica dell'Umberto I perché sperano che li aiuterà a gestire meglio i ragazzi durante tutto il percorso di cura.

Stefania Stellino, mamma di due bambini autistici e Presidente dell'ANGSA e che ha parlato a nome di tutti, ha sottolineato l'Importanza di avere un percorso differenziato perché 'Purtroppo, se non si desensibilizza e non si aiuta a farli abituare, appunto, ad un certo tipo di ambiente, non si potranno ottenere risultati senza un'Anestesia e, sappiamo che l'Anestesia può comportare dei problemi e non è così semplice. Quindi contiamo su questo Progetto perché i nostri figli possano avere un percorso sia di accoglienza che di cura adatta alla loro condizione.?

Grazie all'Accordo tra il Umberto I, l'Università 'La Sapienza? e la Regione Lazio, l'Odontoiatria del Policlinico con l'Unificazione dell'Istituto Istman, diventerà il più grande polo odontoiatrico d'Europa.
Questa è 'Una sinergia importantissima che consentirà di ottimizzare le risorse in un periodo di crisi e, soprattutto, di mettere insieme delle esperienze e delle competenze specialistiche estremamente valide che sono formate sia nella nostra clinica odontoiatrica, sia nell'ISTMAN che ha una lunga storia, come sappiamo, che può diventare sempre di più un punto di riferimento, dalle urgenze fino alle patologie più complesse.? ' ha dichiarato il Rettore Gaudio.

Tra le testimonianze che hanno commosso un po? tutti è stato il video-saluto di Tommy e del suo papà Gianluca Nicoletti, giornalista RAI che da diversi anni aspetta di essere chiamato papà e che ha espresso il desiderio dell'Intervento di tutti affinché i bambini autistici senza denti non restino prigionieri della loro casa ma possano uscire come tutti i bambini.
Infine, la Prof.ssa Livia Ottolenghi, Ordinario di odontoiatria della Sapienza, nel ricordare che il 20 marzo ricorre anche la giornata della felicità, ha evidenziato quanto sia importante per essere felice avere anche un bel sorriso e quindi avere una buona salute dei denti: un diritto di tutti!